Saturday, 3 October 2009

Sinceritá come forma di eccesso


L'esser sincero implica, infatti, quella particolare forma di eccesso che spinge l'uomo verso la verità non come «desiderio di sapere», ma come «volontà di essere».

«Ti dirò tutta la verità, senza nasconderti nulla» è, spesso, nell'infinito gioco delle conversazioni umane, la frase che introduce i discorsi più crudeli. Ma anche l'esortazione incalzante a «dire la verità», che l'inquisitore ingiunge all'inquisito, sembra affondare, affilata come la lama di un bisturi, nel corpo dell'interrogato, per mettere a nudo tutto ciò che vi si nasconde. La sincerità, nella storia della nostra cultura, dalla filosofia al teatro, dalle arti figurative, alla poesia e al romanzo, fino agli infiniti intrecci della quotidianità, è una virtù ambigua, perché la verità, che essa afferma di servire, non sempre pare accordarsi con l'amore, con il bene, con il rispetto per gli altri e con il valore stesso della vita. Ma, in realtà, che cosa significa essere sinceri? Per un'antica e duratura tradizione di pensiero la sincerità appare come la virtù morale che prescrive il rapporto dell'uomo con la verità nelle parole e nelle azioni. Tuttavia, nella storia delle idee, la sincerità acquista rilievo soprattutto con lo sviluppo moderno della soggettività e con l'accentuazione del ruolo dell'individuo in relazione al mondo e alla società. Essa, allora, è qualcosa di più che una semplice virtù morale. La sincerità è, infatti, il modo di essere dell'individuo, la via sentimentale e sociale con cui egli afferma la sua singolarità, la sua unicità, la sua autenticità.

Testo: A. N. Franco

Dipinto: Laura Tedeschi "Das blaue Mädchen"

2 comments:

Caio Fernandes said...

yo amo el tabalho di azul y rubro !!

Laura Atelier Vienna said...

grazie caio, troppo buono!