Monday, 27 April 2009

Lettera di Claude Monet al medico Georges de Bellio - Marzo 1879



"Sono nauseato e scoraggiato per la vita che conduco da tanto tempo. Quando alla mia età si arriva a questo punto, non c’è più speranza. Disgraziati siamo, disgraziati rimarremmo:
ogni giorno porta le sue pene e ogni giorno nascono difficoltà da cui non ci libereremo mai. Così rinuncio a lottare e a sperare di riuscire e in queste condizioni non ho più la forza di lavorare"

Cosí scriveva, nel marzo del 1879, Claude Monet al medico Georges de Bellio, collezionista parigino degli impressionisti che divenne un sostegno finanziario e morale per l'artista.

Nelle foto:
Claude Monet nel suo studio - Autoritratto
Il Dr. Georges de Bellio dipinto da Giovanni Boldini

4 comments:

luigi said...

In tema di crisi... hai citato Monet e mi fai pensare al M° De Maria, quando ormai novantenne vedeva pochissimo ma ci teneva da matti a venire in Soffitta ogni domenica mattina. Quel luogo e i tanti allievi che gli volevano bene erano la sua forza, un motivo di vita. Ciao.

Laura Atelier Vienna said...

Ciao Luigi,
le crisi vanno e vengono, importante é non perdere mai la voglia di vivere...

Carla said...

ciaooo Laura....
complimenti per tutto ciò che posti sul tuo blog.
Mi sono permessa, dopo il tuo arrivo nel mio blog, di darti il mio personale "benvenuta" come faccio con tutti gli artisti che arrivano nel mio blog come lettori fissi.
Se ti fà piacere guarda qui :
http://artecarlacolombo.blogspot.com/
ciaooo e grazie.
Carla

Laura Atelier Vienna said...

Carla molte grazie pr il tuo bel pensiero

un bacione